La rete dei centri di formazione pubblici in Emilia-Romagna al servizio delle persone, delle imprese e dello sviluppo locale, è il tema dell’incontro che si svolgerà nella mattinata di venerdì 12 aprile nella sede dellaAngelo Pescarini Scuola Arti e Mestieri” a Ravenna.

Si tratta di una sorta di “stati generali” della formazione professionale organizzato dall’Arifel, l’associazione che raggruppa i centri di formazione degli enti locali situati in regione (Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna, Forli-Cesena, Ravenna) per fare il punto sul sistema disciplinato dalla normativa regionale vigente in materia ma, soprattutto, per difenderne le modalità di gestione in mano pubblica, alla luce dell’operato svolto.

“Il sistema della formazione professionale ha risvolti sociali imprescindibili – afferma il presidente di Arifel Sergio Frattini – che la gestione pubblica affronta in modo responsabile ed efficace. Mi riferisco, ad esempio, al tema della inclusione di ragazzi stranieri con scarso livello di alfabetizzazione che vengono seguiti con particolare attenzione fino al loro inserimento lavorativo, alle opportunità di formazione rivolte a persone di oltre cinquant’anni, ai continui investimenti per migliorare le strutture didattiche. Sono azioni queste che si fondano su valori etici che lo stato sociale deve continuare a garantire, a prescindere da aspetti legati unicamente alla logica costi/ benefici. Aspetti che noi vogliamo continuare a salvaguardare attraverso la gestione pubblica dei centri di formazione degli enti locali”.

Insieme con Sergio Frattini, che aprirà il convegno alle 10, questi temi verranno trattati attraverso le testimonianze di: Gabriele Orioli, presidente BS Sistemi, Luca Pau, titolare Sostech; Elena Bartolotti, presidente Cooperativa ‘In Cammino’. Seguiranno gli interventi  di: Massimo D’Angelillo, presidente Genesis; rappresentanti delle organizzazioni sindacali regionali di categoria; Andrea Panzavolta, Agenzia Regionale Lavoro Emilia Romagna,  Ines Seletti, Assessore all’Educazione ed Innovazione Tecnologica del Comune di Parma e di Michele de Pascale, Sindaco di Ravenna. Le conclusioni saranno a cura di Patrizio Bianchi, Assessore regionale alla scuola, formazione professionale, università, ricerca e lavoro.

 

Ravenna, 8 aprile 2019