Abbiamo visto brevemente cosa sono le soft skills:  competenze personali che, applicate in sinergia con le hard skills, sono essenziali per portare a termine un lavoro nel modo più corretto ed efficace.

Se possediamo queste competenze, le mettiamo in pratica attraverso dei comportamenti molto specifici, che garantiscono il raggiungimento dei nostri obiettivi, lavorativi ma anche personali.

 

Ma quali sono, esattamente, le soft skills?

I due psicologi Lyle M. Spencer e Signe M. Spencer  nel 1993 hanno stilato una classificazione delle soft skills in base ad aree specifiche di appartenenza. Ecco una tabella che trae spunto dalla loro suddivisione e che riassume, secondo noi,  quelle principali:

Categoria Competenze trasversali / soft skills
Competenze comunicative Empatia

Assertività

Competenze realizzative Orientamento al risultato

Attenzione all’ordine e alla qualità del lavoro

Spirito d’iniziativa (proattività)

Capacità di approfondimento e ricerca delle informazioni

Competenze organizzative Time Management (gestione efficace del tempo)

Attitudine al lavoro di gruppo (Teamwork)

competenze di efficacia personale Fiducia in sé (senso di autoefficacia)

Flessibilità

Capacità di gestione dello stress (autocontrollo nei conflitti)

Fonte: L. Spencer & M. Spencer (1993), “Competenza nel lavoro. Modelli per una performance superiore”, Franco Angeli, Milano

 

Le soft skills in Italiano sono dette “competenze trasversali”, proprio perché le applichiamo “trasversalmente”, cioè in qualsiasi ambito lavorativo.  Anzi. Una volta fatte proprie, in realtà, le continuiamo a mantenere, per cui le possiamo applicare anche alle relazioni personali e alla nostra vita privata.

 

hard skills e soft skills
Le Soft Skills, in sinergia con le Hard Skills, garantiscono il raggiungimento degli obiettivi di lavoro.

 

A chi servono?

Non solo. Poiché le soft skills migliorano i risultati ottenuti sul lavoro e nella vita, acquisirne il più possibile è utile per i lavoratori di qualsiasi età: chi è un lavoratore o una lavoratrice già da molti anni, avrà la possibilità di migliorare se stesso/a e la qualità  del proprio lavoro. Chi è giovane e inesperto, invece, avrà a disposizione tanti strumenti in più per partire con il piede giusto.

logo cv formato europass
Le competenze trasversali possono essere indicate nell’apposita sezione “competenze personali” del curriculum in formato Europass.

 

Inoltre, sono proprio queste le famose “competenze personali” che ci viene richiesto di elencare quando scriviamo il nostro curriculum, specialmente se utilizziamo il formato Europass. A proposito: come si scrive un cv efficace? Lo vedremo prossimamente;-)

 

Nei prossimi articoli, invece, analizzeremo ciascun gruppo di competenze trasversali, partendo dalle competenze comunicative.

Se vuoi saperne di più, continua a seguirci!

 

 

P.s. Quali competenze possiedi già? E quali invece ti piacerebbe migliorare o sviluppare?

Faccelo sapere nei commenti oppure visita il nostro catalogo corsi: potresti trovare quello che fa per te!